MENTRE LA SINISTRA LITIGA, SALVINI SBARCA SU TIK TOK E PUNTA AI 15ENNI, SOVRANISTI DI DOMANI

Uno frame del primo video in assoluto di Matteo Salvini su Tik Tok

Pubblicato su Tpi il 12 novembre 2019


In un Paese dall’età media sempre più alta e tradizionalmente pachidermico nel recepire le novità, è passata pressoché inosservata una notizia dai contorni in realtà esplosivi. Matteo Salvini è appena sbarcato su Tik Tok, il social network cinese che dall’Asia si sta diffondendo nell’intero Occidente a un ritmo e a una velocità frenetici. Con una piccola, non esattamente trascurabile, particolarità: l’età media degli utenti di questa piattaforma si aggira tra i 12 e i 15 anni. Non parliamo più semplicemente di giovani e millennials ma di veri e propri adolescenti o, in alcuni casi, pre-adolescenti, che qua sopra hanno trovato l’habitat naturale in cui esprimersi, al di fuori dello sguardo dei genitori, principalmente attraverso video non più lunghi di poche decine di secondi.

Matteo Salvini è il primo politico italiano ad aprire un canale su Tik Tok. Una decisione apparentemente azzardata, quella messa a punto da Luca Morisi e dallo staff della “Bestia”, ma che in realtà non fa altro che anticipare una strada che più o meno l’intera politica – destra e sinistra senza distinzioni – è destinata a seguire nei prossimi mesi. Lo scopo è evidente: aprire un solco, gettare un sasso, creare una strada. Nel mirino ci sono le centinaia di migliaia (e, nel giro di mesi – non anni – milioni) di giovani e giovanissimi che rappresentano gli elettori di domani. La Bestia che sbarca su Tik Tok è un animale molto diverso rispetto alla fiera famelica e onnivora che siamo abituati a vedere su Facebook. Non è lì per calamitare in tempi rapidi le masse, ma per studiare, imparare, farsi conoscere, cominciare a creare un rapporto con quel bacino di utenti che lo conoscono solo per averlo sentito nominare di sfuggita dal papà a cena. Con un linguaggio lontanissimo da tempi e dai modi della politica, ma vicino – per semplicità e immediatezza – a quello che il leader della Lega utilizza quotidianamente sui social tradizionali.

Non è un caso che il primo contenuto in assoluto comparso su Tik Tok sia un video dello stesso Salvini che, su un sottofondo trionfalistico, stringe le mani a uomini in divisa al grido di “Onore alle nostre Forze dell’Ordine”, seguito dall’hashtag più celebre e identitario di tutti: #PrimaGliItaliani. Più che un post, un vero e proprio manifesto che rappresenta il concentrato del salvinismo pop e patriottardo. Il messaggio è sempre lo stesso: l’orgoglio italico. La differenza a livello di comunicazione è sostanziale: se su Facebook, Twitter e in larga parte anche su Instagram fa leva e cavalca un “sentiment” sovranista e nazionalista ampiamente diffuso, su Tik Tok Salvini è nelle vesti di creatore e anticipatore di quel messaggio. La Bestia non sta strizzando l’occhio alla destra ultraconservatrice. Sta facendo di più, e oltre: sta creando in vitro la destra ultraconservatrice di domani.

Per essere ancora più chiari e diretti. Salvini non è semplicemente sbarcato su un nuovo social network. Si sta preparando a creare, allevare e profilare la nuova classe politica ed elettorale di domani: milioni di ragazzi che saranno pronti e imbevuti di slogan e idee sovraniste esattamente per il giorno in cui per la prima volta saranno chiamati a votare. Il tutto mentre l’intera sinistra resta a guardare, perdendosi nell’ennesima battaglia di principio attorno all’ombelico di idee, programmi e valori che nessuno capisce più. Se oggi siamo di fronte a un’avanzata spaventosa dell’ultradestra in Italia e in Europa, quella di domani potrebbe assomigliare di più a un regime democratico costruito sulla rete. Il primo laboratorio politico sovranista interamente nato e concepito sui social. Il giorno in cui accadrà, se proprio volete una data simbolo, potete provare con l’11 novembre 2019: il giorno in cui Matteo Salvini è sbarcato su Tik Tok. Sembra l’incipit di un romanzo distopico e spaventoso, e invece è la realtà. Ed è solo l’inizio.


Se ti è piaciuto l’articolo e condividi il nostro modo di fare informazione, clicca qui per sostenere il blog con una donazione libera e volontaria. Anche pochi euro per noi possono fare la differenza. Grazie!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è donazione-paypall.jpe

 



Share:
Written by Lorenzo Tosa
35 anni, giornalista professionista, grafomane seriale, collabora con diverse testate nazionali scrivendo di politica, cultura, comunicazione, Europa. Crede nel progresso in piena epoca della paura. Ai diritti nell’epoca dei rovesci. “Generazione Antigone” è il suo blog personale.