“Finto buonista”. Quante volte ce lo siamo sentiti dire. E la cosa bella è che, credendo di insultare, questi poveretti in realtà ti stanno facendo un complimento. Chi mai si farebbe operare da un “finto medico” o rappresentare da un “finto avvocato”? E allora forse è arrivato il momento di dirgli la verità e fargli capire, una volta per tutte, la differenza tra un “finto stronzo” e un “vero stronzo”.

@tweet
Share:
Written by Lorenzo Tosa
35 anni, giornalista professionista, grafomane seriale, collabora con diverse testate nazionali scrivendo di politica, cultura, comunicazione, Europa. Crede nel progresso in piena epoca della paura. Ai diritti nell’epoca dei rovesci. “Generazione Antigone” è il suo blog personale.