Chi siamo

Ho in mente un luogo in cui le storie, il gesto di raccontare, tornino ad essere quello che erano decine di migliaia di anni fa: fiaccole nel buio.
Ho in mente una comunità di persone che, come Diogene, procede a tentoni nelle tenebre del giorno con una lanterna in mano.

Ho in mente un nome: Antigone. La prima ad essersi ribellata con la mente e il corpo a un potere maschile e dispotico e a leggi che riteneva ingiuste. Non è un caso che fosse una donna.

Sarebbe bello avere un posto così, da qualche parte. Che sia di tutti “Noi”. Noi, la “Generazione Antigone” che non si rassegna ad assistere alla disgregazione civile, economica e culturale di questo strano Paese chiamato Italia. Che non si rassegna all’odio, all’intolleranza, alla decrescita infelice, ai muri, alla pancia, alla stregoneria, alla sicurezza “percepita”. Chiunque non accetti tutto questo oggi è Antigone, e questa è la sua casa. Un posto dove fermare frammenti di mondo che ha senso custodire e gettare via quello che non serve più.

Questo posto lo vedo popolato di tanti giovani (e meno giovani) giornalisti e giornaliste (e non solo loro) che oggi, in Italia, nonostante tutto, hanno ancora voglia di scrivere – non copiareeincollare, scrivere – ma non hanno uno spazio in cui farlo. Mi sarebbe piaciuto alla loro età avere un luogo così.
Chiamatelo blog, se volete, per me è una piazza. Io ci metterò tutto me stesso per tenerlo vivo, ma le piazze sono belle quando sono piene.

Contatti

Per suggerimenti o proposte, scrivetemi a: blog@generazioneantigone.it