CARI 5 STELLE, IL FEMMINICIDIO NON SI COMBATTE COL CARCERE MA CON LA CULTURA

Luigi Di Maio (a sin.) e Alfonso Bonafede


Ogni giorno un grillino si sveglia e sa che dovrà dire qualcosa di forcaiolo. E così anche un tema serissimo come il femminicidio e la violenza di genere diventa l’occasione per una vergognosa propaganda sull’inasprimento delle pene e del carcere evocato come panacea di ogni male. Come se la questione femminile si potesse risolvere davvero con la logica da “delitto e castigo” tanto cara a questo governo, e non piuttosto con un vera svolta culturale e politica.

Ogni espressione usata dal vicepremier Luigi Di Maio e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per annunciare le nuove misure contenute nel cosiddetto “Codice rosso” è un insopportabile concentrato di giustizialismo, paternalistico giudizio e slogan da terza elementare. “Se tocchi una donna, sconti fino a 12 anni di carcere.” Oppure: “Se qualcuno pensa che la donna debba restarsene a casa a farsi dire quello che deve fare, allora il Movimento non è per voi.”

photo @ga

Ogni frase, ogni singola parola scelta, è figlia di una concezione della donna profondamente maschile e ferma, per essere gentili, a un a un’isola del sud negli anni ’50. Nel frattempo, cari Giggino e Fofò, l’approccio al tema è cambiato, si è evoluto, si è affermato il femminismo, e le donne non sono più da tempo una “proprietà” dell’uomo da proteggere e di cui disporre ma la parte più ricca, coraggiosa e umana di questa società, quella sì, ancora profondamente sessista e maschilista. E non la cambi evocando la “prigione” e altri metodi di coercizione ma cominciando a cambiare voi e il vostro linguaggio.

Altrimenti finiremo per ritrovarci tra dieci anni con 1000 carcerati in più e 1 milione di Pillon.

Se ti è piaciuto l’articolo e condividi il nostro modo di fare informazione, clicca qui per sostenere il blog con una donazione libera e volontaria. Anche pochi euro per noi possono fare la differenza. Grazie!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è donazione-paypall.jpe

Share:
Written by Lorenzo Tosa
35 anni, giornalista professionista, grafomane seriale, collabora con diverse testate nazionali scrivendo di politica, cultura, comunicazione, Europa. Crede nel progresso in piena epoca della paura. Ai diritti nell’epoca dei rovesci. “Generazione Antigone” è il suo blog personale.