AUGURI BOUBA, RICHIEDENTE ASILO DA 110 E LODE. MA A QUANTI BOUBA STIAMO RINUNCIANDO?

Lui si chiama Bakari Coulibaly, per tutti Bouba. Ha 32 anni, viene dal Mali, ed è il primo laureato richiedente asilo con protezione internazionale dell’Università di Sassari. Dottore magistrale con 110 e lode in Pianificazione e politiche per la città, l’ambiente e il paesaggio. Bouba è uno di quelli che ha studiato concretamente come migliorare le nostre città, il nostro paese. Il suo paese.

Quando è uscito dall’aula, ha ripensato a tutto il percorso fatto, l’arrivo in Italia con una borsa di studio per rifugiati, i sacrifici indicibili, l’Erasmus a Barcellona, la fatica nella cucina di un ristorante la sera per pagarsi gli studi, le notti insonni passate sui libri. E ha pianto. A lungo. Sembrava non smettesse più di piangere.

Guardi i suoi occhi lucidi, e non puoi fare a meno di pensare a quanti Bouba ci stiamo lasciando fuggire, a quanti cervelli stiamo rinunciando, quanta vita stiamo sotterrando in nome dell’odio e della paura.
Auguri, Bouba. L’Italia ha bisogno di te.


Se ti è piaciuto l’articolo e condividi il nostro modo di fare informazione, clicca qui per sostenere il blog con una donazione libera e volontaria. Anche pochi euro per noi possono fare la differenza. Grazie!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è donazione-paypall.jpe



Share:
Written by Lorenzo Tosa
35 anni, giornalista professionista, grafomane seriale, collabora con diverse testate nazionali scrivendo di politica, cultura, comunicazione, Europa. Crede nel progresso in piena epoca della paura. Ai diritti nell’epoca dei rovesci. “Generazione Antigone” è il suo blog personale.