ACHILLE LAURO E RULA JEBREAL SONO DUE FACCE DELLA STESSA LOTTA PER I DIRITTI DI GENERE

Achille Lauro (a sinistra) e Rula Jebreal

Pubblicato su Tpi il 5 febbraio 2020


Strano il destino a volte. Il Festival che doveva diventare lo specchio di un Paese maschilista e retrogrado, inaugurato, un paio di settimane fa, dalla epica gaffe di Amadeus, ha finito per diventare il Festival più autenticamente e spontaneamente progressista, antisessista e anticonvenzionale probabilmente della sua storia. La serata d’esordio della 70esima edizione di Sanremo non sarà certo ricordata per il livello delle performance – ad essere sinceri, modeste – ma per due momenti che entreranno di diritto, per motivi diversi, nella storia della televisione italiana e nella cultura di questo Paese.

Due lampi nel buio. Due apparizioni. Una, il monologo di Rula Jebreal sulla violenza contro le donne, di cui si è discusso per settimane, spaccando in due politica e opinione pubblica. L’altra, la “tutina” di Achille Lauro, improvvisa, accecante, inattesa. Almeno per chi non conosceva questo cantante incatalogabile in alcun genere. Non solo artistico. Non solo musicale.

Se li osservi di sfuggita, senza troppa attenzione, sembrano provenire da due pianeti diversi: il primo un artista che gioca a fare il maledetto, irregolare, dissacrante, esagerato, ostentato, truccato come David Bowie (che cita a più riprese) e tatuato per il  50 per cento del corpo, con l’eye liner perfetto, sembra un personaggio costruito apposta per scandalizzare il pubblico perbenista e benpensante del festival; la seconda una giornalista, un’intellettuale, una donna impegnata da anni per i diritti e per l’uguaglianza di genere, un modello di cultura e integrazione, eppure, come Achille Lauro, anche Rula è destinata a scandalizzare il pubblico perbenista e benpensante del festival. Lo stesso pubblico. Lo stesso target. Le stesse, identiche, persone. Con modi, stili e toni che non potrebbero essere più lontani, ma che finiscono con l’ottenere, nella stessa serata, l’identico obiettivo: far gridare allo scandalo, in un unico coro, sovranisti e oscurantisti, nazionalisti e sessisti. Che mai come in quest’epoca coincidono.

Se Achille Lauro, si spoglia e ci spoglia di vestiti, convenzioni, tabù, regole, giudizi e pregiudizi, Rula Jebreal analizza con il cuore e la ragione ciò che non riusciamo a vedere sotto i vestiti abbottonati e perfetti di una società ipocrita e giudicante, va alla radice del problema, la sviscera e la legge coi freddi numeri e la racconta con il fuoco della tragedia personale di una madre che si è data fuoco per quella violenza, quando lei aveva 5 anni. Uno è uno schizzo su una tela, istinto puro disintermediato, arte contemporanea. L’altra è analisi e contestualizzazione.

Quello che in pochissimi hanno capito è che la “tutina” di Achille Lauro e il monologo da brividi di Rula Jebreal sono due facce della stessa medaglia. Una raffinata e intelligente. L’altro sporco, provocatorio, urticante, mai volgare. Due atti di coraggio straordinari. Due modi e due stili diversissimi per combattere un unico, enorme cancro del nostro tempo: il maschilismo e il sessismo tossico. Il patriarcato soffocante. La monocultura sessuale dominante. La violenza estrema di chi ti dice chi devi essere e come ti devi vestire.

Non puoi capire uno senza ascoltare l’altra. E viceversa.

Chapeau.


Se ti è piaciuto l’articolo e condividi il nostro modo di fare informazione, clicca qui per sostenere il blog con una donazione libera e volontaria. Anche pochi euro per noi possono fare la differenza. Grazie!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è donazione-paypall.jpe

 



Share:
Written by Lorenzo Tosa
35 anni, giornalista professionista, grafomane seriale, collabora con diverse testate nazionali scrivendo di politica, cultura, comunicazione, Europa. Crede nel progresso in piena epoca della paura. Ai diritti nell’epoca dei rovesci. “Generazione Antigone” è il suo blog personale.